Installa il Player Flash

Ultime copie rimaste. Per ricevere a casa il nostro CD contattare:

info chiocciola orchestrapopolarecasertana.it


facebook Orchesdtra Popolare Campana mySpace Orchestra Popolare Campana

 

 

Testi

Carnevale muorto
(Testo tradizionale)

Goliardico canto funebre per la morte di Carnevale, molto diffuso nel casertano. Il testo tradizionale stato trascritto dal dott. Francesco Nigro a San Nicola La Strada (CE)

Carnevale muorto
Pe nu’ ver o’ stuorto
Je gioia so’.. mo’ more ‘e collera
 
Carnevale Carnevaletto
Ce vonne e sorde pe fa ‘e pulpette
Je gioia so’.. mo’ more ‘e collera
 
carnevale int’o fenestriello
Sento addore d’e friarielle
Je gioia so’.. mo’ more ‘e collera
 
Carnevale Carnevaletto
T’anno mise ‘ncopp’ o cavalletto
Je gioia so’.. mo’ more ‘e collera

 

Noi siamo pellegrini
(testo tradizionale)

Canto di “n’ferta” eseguito nel periodo natalizio a Castel Morrone. Il seguenti versi sono stati raccolti da Gianni Gugliotta e incisi per la prima volta nel 1977 nel disco, ormai introvabile, “Canto in Discanto” del Teatro Popolare Casertano.

Noi siamo pellegrini
e da luntano nuje venimmo
dateci ‘o buon signore
ca lu santo capudanno
 
Santu Natale stato
e cu Cristo sia lodato
Lu figlio de Maria
che in quella notte fungo nato
 
Si avite doje ricotte
vuje cacciatele cc ffora
Ca noi ca nunje cu tutt’o core
c’e pigliammo
 
Vuje aute signurie
appriparatece nu canestrino
nu caraffone e vino
ca chesto non poco
 
Lu buono capodanno
‘a meglia festa
ssse patrone mio
 facce na bona ‘nferta
 
Si avite doje ricotte
vuje cacciatele cc ffora
Ca noi ca nunje cu tutt’o core
c’e pigliammo
 
Ssse patrone mio
facce na bona ‘nferta

 

E vecco ch’e’ venuto Capuranno
(testo tradizionale)

Canto rituale di questua eseguito la sera del 31 dicembre a Pignataro Maggiore. Il tema tradizionale stato raccolto negli anni ’70 dal Collettivo TG di Pignataro Maggiore, e proposto dal vivo dal gruppo Arianova.

E vecco ch’e’ venuto Capuranno,
iamm’ cantenne comm’a piccerigl’,
facitece lu ‘mberto comm’a gl’aut’ann’
si no ve li tiramm’ li capigl’.
 
E mena mena mo’ f priesto mon’
nun ce fa sta’ a lu fridde cc‘a spetta’,
e vecco ch’e’ venuta la cuntrora,
lu maresciallo a nuie ce vo’ arresta’.
 
i’ mo’ lu veco lu lum’allummare
i’ mo’ la veco la casci’arapi’,
i’ mo’ la veco la mane ’e acalare
i’ mo’ lu veco lu ‘mberto e piglia’.
 
e puozze fa’ ‘nu figlio cardinale
e n’ato ‘u puozze fa’ imperatore,
e n’ato ‘u puozze mette dinte roma
‘ssettato a chella seggia d’ ‘i papale.
 
canta lu iaglio cu’ li ppenne bianche,
felice e santa notte a tutti quanti;
canta lu iaglio cu li ppenne nere,
salute e bbona notte ‘e bbona sera.
 
canta lu iaglio cu’ li ppenne bianche,
felice e santa notte a tutti quanti;
canta lu iaglio cu li ppenne nere,
salute e bbona notte‘e bbona sera.

 

Santo Sereviesto
(Testo tradizionale)

Canto molto diffuso in tutto il Sud Italia, eseguito da gruppi di ragazzi questuanti nella notte di San Silvestro. Il testo qui utilizzato stato raccolto da Gianni Gugliotta a Castel Morrone nel Dicembre 1976 e da lui pubblicato nel  libro “L’antico presente”, Russo Editore, nel Gennaio 1984. un nonsense con continui riferimenti a simboli di abbondanza e fertilit.

Santo Sereviesto
E nuje cantammo buono
Oggi calenne
E dimane l'anno nuovo
La festa santa
E la santa signuria
Dio ce la cresce
'Sta bella cumpagnia
Crisce e criscenze
E facenne chisti sciusce
Ca tutte tu canusce
Canusce a nuje
 e canusce a centil'omo
Ohi centil'omo
E cu' cheste bracce aperte
Vattenne a roma
A sfravec palazze
 
Ncopp’ ‘e palazze
Ce sta 'na bella fronna
Cu gloria de palomma
Gira e riggira
‘na fronna d'aulive
Chistu massaro
Cient'anne ce vive
Santa maria
Che 'mparavise staje
Scansa chesta case
Da periculi e da 'uaje
La luna joca
E lassammela jucare
Facce la ‘nferta
Ass ce la vu fare
 
Faccillo sicco sicco
E faccillo ‘e sauciccie
Faccillo rassu rasso
E faccillo ‘e sanguinaccio;
Faccillo re’ nucelle,
 puozz' fa nu re d'e stelle
Ammen ammen ammen
Ammen ammen ammen
Nuje pigliammo nu sacco ‘e ammen

Nenna n
(testo tradizionale)

uno dei canti di lavoro pi diffusi nella provincia di Caserta, e documentata da numerose fonti tra cui il libro “L’antico presente” di Gianni Gugliotta, Russo Editore, con una versione ripresa a Portico di Caserta nel marzo 1977. La versione del testo qui usata stata raccolta negli anni ’70 dal Collettivo TG di Pignataro Maggiore

S’ fatto notte e nuje nun ce ne jammo nenna n
e ‘ncuoglie c’ caduta la serena, nenna nenna
 
S’ fatto notte e lu padrone suspire nenna n
dice che stata corta la jurnata, nenna nenna
 
Zitto padrone mio nun suspirare nenna n
chello che nun s’ fatto nun se fane, nenna nenna
 
Me so sussuto ‘e notte stammatina nenna n
M per ved lu sole add riposa, nenna nenna
 
Riposa ‘o sole abbascio alla marina nenna n
rint''a nu ciardeniello a coglie ‘e rrose, nenna nenna.
 
Cuglienno rose me so' punto 'o dito nenna n
chiglio ninniglio mio che vo' caccosa, nenna nenna.
 
Je cacche ccosa gi ce l'aggio dato nenna n
nu pizzeco e’garofene e nu vaso, oj nenna nenna

 

Orchestra Popolare Casertana e Orchestra Popolare Campana sono marchi della associazione Caserta Musica & Arte
Fotografie di Mena Rota - webmaster Caserta Musica & Arte